La lontananza

Para allá por los setentas en el Bo. Piletas de Lares comenzamos a escuchar una hermosa canción de amor por el italiano Domenico Modugno. Hoy después de unos 37 años me re-encuentro con la canción y con Modugno. Hay canciones que no importa en que idiomas se canten y los años que pasen, llegan al alma y conmueven. Gracias a Modugno por llenar mi adolescencia de música inolvidable.

Versión original en italiano:

Versión en español:

Clip de audio: Es necesario tener Adobe Flash Player (versión 9 o superior) para reproducir este clip de audio. Descargue la versión más reciente aquí. También necesita tener activado Javascript en su navegador.

Mi ricordo che il nostro discorso
fu interrotto da una sirena
che correva lontana, chissà dove?
Io ebbi paura perche sempre
quando sento questo suono,
penso a qualcosa di grave.
E non mi rendevo conto, che per me e per te,
non poteva accadere in nulla di più grave,
del nostro lasciarci . . .
allora, come ora.
Ci guardavamo;
avremmo voluto rimanere abbracciati, ed invece, con
un sorriso ti ho accompagnato per la solita strada.
Ti ho bacciato come sempre, e ti ho detto dolcemente . . .
“la lontananza sai, è come il vento
spegne i fuochi piccoli, ma
accende quelli grandi . . . quelli grandi.”
La lontananza sai è come il vento,
che fa dimenticare chi non s’ama
è già passato un anno ed è un incendio
che, mi brucia l’anima.
Io che credevo d’ essere il più forte.
Mi sono illuso di dimenticare,
e invece sono qui a ricordare . . .
a ricordare te
La lontananza sai è come il vento
che fa dimenticare chi non s’ama
è già passato un anno ed è un incendio,
che brucia l’anima.
Adesso che è passato tanto tempo,
darei la vita per averti accanto
per rivederti almeno un solo istante
per dirti “perdonami.”
Non ho capito niente del tuo bene
ed ho gettato via inutilmente
l’unica cosa vera della mia vita,
l’amore tuo per me
ciao amore
ciao non piange
vedrai che tornerò
te lo prometto ritornerò
te lo giuro amore ritornerò
perché ti amo
ti amo
ritornerò
ciao amore
ciao
ti amo

Comentarios

  1. Mario, en esa época yo escuchaba esa canción y corría bicicleta! No entendía mucho de lo que decía (y era en italiano!)… pero me recuerda un periodo feliz! Pasaba parte del verano en casa de mi abuela, en el sur de Italia, y allí comíamos frutas de los árboles y corríamos todo el día!

Comparte tu opinión

*